Monava è un agente IATA dal 1981 (International Air Transport Association)

  • Spedizioni consolidate plurisettimanali per Australia, Nuova Zelanda, Canada, Thailandia.
  • Merci consolidate con formazione di pallet aerei dedicati (pallettizzazione)
  • Sdoganamenti export ed import con ritiri e consegne in tutto il territorio nazionale con relativa emissione DIRETTA della bolla doganale .
  • Spedizioni dirette per/da i principali aeroporti internazionali.
  • In possesso delle CERTIFICAZIONI necessarie per operare in regime di estrema SICUREZZA (dichiarazione mittente conosciuto, arre circoscritte e protette all’interno dei ns magazzini, personale qualificato).
  • Sicurezza merci via aerea mediante macchina X-RAY mod. Fep-me-cargo idonea al controllo merci come da nuove normative sulla sicurezza aerea.

 

Informazioni sulle procedure di export via aerea.

Per una corretta esecuzione dell’esportazione Via Aerea, è necessario che l’esportatore fornisca allo spedizioniere i seguenti documenti:

Mandato
E’ una lettera in cui si dà formalmente incarico allo spedizioniere di effettuare la spedizione a determinate condizioni operative.

In tale documento devono essere indicati i seguenti dati:
tipologia, quantità, dimensioni, indirizzo del destinatario e/o indirizzo della destinazione finale della merce (se diverso dal destinatario), modalità di “resa” della merce e tutte le clausole alle quali si vuole sottoporre la propria merce(es. eventuali vincoli di pagamento quali: c.o.d. – c.a.d. – l/c).

Fattura Commerciale
E’ la normale fattura di vendita necessaria per poter esportare e sdoganare la merce, che si emette sul debitore/ricevitore della spedizione.

Tale documento deve essere completo di:
quantità colli, tipo imballaggio, natura merce, peso lordo e netto, marcatura, valuta monetaria, valore della merce.

Packing List
E’ un documento che riporta in modo dettagliato il contenuto di ciascun imballo indicandone i relativi pesi e quantità.

Lettera di Credito
Qualora si spedisca a fronte di una lettera di credito questa deve essere fornita a priori allo spedizioniere affinché possa verificare che tutte le clausole in essa contenute possano essere rispettate (es. utilizzo di particolari vettori aerei, imbarco da aeroporti italiani o da aeroporti europei; visti consolari da espletare; ultima data entro la quale effettuare la spedizione etc.)
A fronte di tutti questi documenti lo spedizioniere emette la lettera di Vettura Aerea (Air Waybill – abbreviata a.w.b.)
Nell’a.w.b., che è un documento non negoziabile, vengono riportati fedelmente dallo spedizioniere incaricato i dati della fattura:
speditore, ricevitore, eventuali notify, n. colli – kg. lordi – volume – descrizione merce, aeroporto di partenza – eventuali aeroporti di trasbordo – aeroporto di destino, nome della compagnia aerea – numero volo e data, condizioni di resa.

Salvo indicazioni diverse, generalmente all’a.w.b. viene allegata la fattura dell’esportatore e packing list più altri documenti se richiesti.